seuils

“Lo sai che fra la fine e il nuovo inizio c’è un mondo di mezzo? È il tempo ferito, Jean Perdu. È una palude dove si raccolgono sogni, paure e intenzioni perdute. I passi in questo tempo si fanno più pesanti. Non sottovalutare questa stazione di passaggio fra la fine e il nuovo inizio, Jeanno. Datti tempo. A volte le soglie sono così grandi che non si possono superare con un passo solo.”

Nina George, Una piccola libreria a Parigi

[lettura prima di iniziare un nuovo anno scolastico che chissà come andrà perché le nomine annuali devono ancora farle e non so chi mi capiterà quest’anno come collega, e, vista la precedente, tanto tanto tranquilla non sono…]

12 thoughts on “seuils

  1. Da qualche parte c’è un’insegnante che dice “chissà con chi mi toccherà lavorare quest’anno”, incosciente del fatto che quel qualcuno sarai tu.

    (in bocca al lupo :*)

    • (E speriamo sul serio che crepi, perché si prevede un anno molto ma molto tosto.)
      A me il libro è piaciuto. Nella scelta di leggerlo mi sono ovviamente fatta influenzare dalla parola “Parigi”, ma – a differenza del libro di Barreau che avevo letto per lo stesso motivo e che mi aveva parecchio deluso – mi ha piacevolmente sorpreso.

    • Crepi! :o)

      Come dicevo a ‘povna più su, il libro mi è piaciuto. Non ho ancora capito se ultimamente sono io di bocca buona o se sono fortunata nella scelta dei libri, ma mi sta piacendo quasi tutto quello che sto leggendo. :o)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...