La fila, il becchino e le femmine storte

– Ma p’cché stamm ferm?
– Amò, c’è la fila per fare i biglietti, bisogna aspettare.
– Ah. E quann arap’n?
– Amò, c’è il signore, là, più avanti. Quello vestito di nero.
– Chi, chillu becchin?
– …
– …
– Amò, però ‘sta fila non si muove mai…
– E ‘o ddice a me? Io a chest’ora me ne stev bellu bell int’ all’alberg a vedé a sky, invece e sta ccà a me murì e fridd a fa a fila a… comm se chiamm ‘stu posto?
– Palazzo Strozzi, amò.
– Ah, già. Pe vedé a chist che fa ‘e femmene tutte storte

4 thoughts on “La fila, il becchino e le femmine storte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...