Parole magiche

In mensa
– Maestra, mi versi l’acqua?
– Eh?
– L’acqua.
– Non ho capito.
– Ho sete.
– Cosa?
– L’acqua. Nel bicchiere.
– Boh, io proprio non ti capisco.
(La compagna seduta vicino ridacchia, si avvicina all’orecchio e bisbiglia: “Le paroline magiche!”)
– Maestra, mi versi l’acqua, per favore?
– Ah, ecco cosa volevi! Ma certo!
– Grazie!
– Prego!

In classe.
– Chi è che canticchia? Dai, su, si lavora in silenzio!
(Dieci minuti dopo.)
– Chi è che fischietta? Oh bimbi, e su!
(Dieci minuti dopo.)
– Ma la fate finita di cantare?

Passando per i banchi, la maestra Xanthippe canticchia sottovoce.
– Oh! Oh! Ma chi sta cantando?
– Tu!
– Già. Bimbi, capita anche a me, qualche volta, di canticchiare senza rendermene conto. Quando mi capita voi ditemi: “Maestra, smetti di cantare che ci disturbi!”.
– Ma se poi ti arrabbi?
– Ma no che non mi arrabbio! Ve lo sto dicendo io, che potete dirmi di smettere, quindi non mi arrabbio, stai tranquillo.
– Io so come fare!
– Ah sì? Come?
– Con una formula magica: “Maestra, puoi smettere di cantare, PER FAVORE?”

E niente, io li adoro già! :o)

4 thoughts on “Parole magiche

    • Sono completamente disabituati ad usarle, è tutto un atto dovuto.
      E quindi, a mo’ di gutta cavat lapidem, si comincia la mattina col “Buongiorno”, e lungo l’arco della giornata si procede con “Per favore”, “Grazie”, “Prego” e “Scusa”. Ma sono fiduciosa, all’alba vinceròòòòòòòòòòòò!!!

      Grazie!

      (Ma… ma… ma… sbaglio, o anche la Fra è una primina?! Buon anno scolastico a lei!) :o)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...