L’estate che veniva con le nuvole rigonfie di speranza…

Mi sono liberata di Zizzania.

Ancora qualche giorno, e mi sarò liberata anche della preside. Che tanto tanto meglio di Zizzania non è.

Ho poco più di un mese per trovare un altro appartamento.
Oggi ho visto il primo. Definirlo un tugurio è fargli un complimento.

L’estate è venuta. Con le nuvole rigonfie di speranza.
Speriamo in bene.

seuils

“Lo sai che fra la fine e il nuovo inizio c’è un mondo di mezzo? È il tempo ferito, Jean Perdu. È una palude dove si raccolgono sogni, paure e intenzioni perdute. I passi in questo tempo si fanno più pesanti. Non sottovalutare questa stazione di passaggio fra la fine e il nuovo inizio, Jeanno. Datti tempo. A volte le soglie sono così grandi che non si possono superare con un passo solo.”

Nina George, Una piccola libreria a Parigi

[lettura prima di iniziare un nuovo anno scolastico che chissà come andrà perché le nomine annuali devono ancora farle e non so chi mi capiterà quest’anno come collega, e, vista la precedente, tanto tanto tranquilla non sono…]

Dietro l’angolo

Il futuro è un territorio che nessuno conosce. Non esiste una mappa. Quello che ci aspetta dietro l’angolo non potremo conoscerlo se non girando l’angolo.

Haruki Murakami, 1Q84

Il mio augurio, per me e per voi, è che dietro l’angolo ci siano sorrisi, e risate, e salute, e abbracci, e carezze, e sogni realizzati, e sogni da realizzare.
E sesso.
E soldi.
:o)

Buon 2013!

ultima notte qui

fa un certo effetto, non c’è che dire
dieci anni ci ho vissuto, qui
e stanotte ultima notte e poi mai più
ultima notte
e poi sarà una prima notte
una prima notte altrove
la prima notte della mia nuova vita
e sono un po’ malinconica, sì
e un bel po’ felice, anche

[e siccome questo mi pare proprio un post I&N, io lo sputtano subito subito. datemi giusto cinque minuti, eh!]